Comporre il dolore. Il monumento alla Partigiana Veneta di Carlo Scarpa

Autori

  • Enrico Bascherini

DOI:

https://doi.org/10.6092/issn.2036-1602/7856

Parole chiave:

Dolore, Memoria, Monumento, Scarpa, Partigiana

Abstract

E’ il 1968 quando a Carlo Scarpa viene commissionato il progetto per il basamento al monumento della “Partigiana Veneta”opera in bronzo dell’artista Augusto Murer (Falcade 1922 – Padova 1985). Situato sulla riva dei giardini di Venezia l’opera rappresenta un superamento del concetto di monumento come memoria. L’opera di Scarpa può dirsi “sperimentatrice” del successivo capolavoro della tomba Brion ove il concetto dell’amore coniugale e del ricordo assume spazialità inarrivabili.

Riferimenti bibliografici

C. Scarpa, Dattiloscritto, MAXXI/ACS,CSPro/127/Doc/01/03

G. Beltramini, Carlo Scarpa e la scultura del ‘900, Marsilio, Padova, 2009, p. 233

C. Scarpa, Relazione al consiglio comunale del 31 luglio 1961; Archivio Storico Comunale

M. Pierconti, Carlo Scarpa ed il Giappone, Electa, Milano, 2007, p 120

M. De Certau, L’invention du quotidien, Voll.II, Gallimard, Paris, 1990

A. Tarpino, Geografie della Memoria, Einaudi, Torino, 2008

C. Scarpa, Musei ed esposizioni, Albertini Bagnoli, Jaca BooK, Milano, 1992

C. Scarpa, Trascrizione conferenza Accademia delle Belle Arti di Vienna, 1976

Downloads

Pubblicato

2018-07-10

Come citare

Bascherini, E. (2018). Comporre il dolore. Il monumento alla Partigiana Veneta di Carlo Scarpa. IN_BO. Ricerche E Progetti Per Il Territorio, La Città E l’architettura, 8(12), 165–173. https://doi.org/10.6092/issn.2036-1602/7856